Centenario

Corpo Musicale Olivonese:
100 anni di musica, un secolo di emozioni


1913 Il Corpo Musicale Olivonese è fondato il 30 marzo 1913.

Primo presidente: Rossi Vittorio
Primo segretario: Solari Isidoro
Primo maestro: Fabozzi Filippo


 
Il 6 aprile 1913

l’assemblea approva il primo statuto.

Il Corpo Musicale Olivonese collabora con la corale Flora e la locale Filodrammatica, sodalizi che si sostengono a vicenda anche a causa delle ristrettezze economiche.

 

Il 21 dicembre 1913

il neonato CMO viene celebrato ufficialmente, in presenza della musica di Osogna, madrina del sodalizio. Per l’occasione è organizzato un banchetto presso l’Albergo Posta di Olivone.

 

1914 31 dicembre:

Primo concerto ufficiale, al Teatro di Olivone, in collaborazione con la filodrammatica. Il repertorio è scelto dal maestro Rosario Gargano, subentrato a Filippo Fabozzi e autore della trascrizione per banda della marcia “Viva Rivöi”.

 

1930-1939

Iniziano le prime difficoltà: i soci sono ridotti e tra il 1936 e il 1937 vi è la successione di ben 4 maestri. Il 19 maggio 1939 si decide per la prima cessazione dell’attività.

 

Il 9 marzo 1947

un’assemblea straordinaria decide la riorganizzazione della società con la costituzione di un nuovo comitato:
Presidente: Demetrio Poglia
Direttore: Silvio Pollini

Dopo un breve periodo, il maestro Pollini deve abbandonare l’attività di direzione, dovendosi recare in Svizzera tedesca per motivi professionali.
Gli succede nuovamente il maestro Rosario Gargano.

 

Durante gli anni ’50

l’attività prosegue a stento per la mancanza di lezioni regolari, in quanto il maestro abita a Bellinzona e spesso ha difficoltà a raggiungere Olivone per le lezioni e le ripetizioni.

1959: Il Corpo Musicale Olivonese conosce una nuova interruzione, dovuta alla mancanza di assiduità dei soci.

 

Gli anni '70

1970 Il 25 aprile 1970 una prima assemblea decide per la riorganizzazione del Corpo Musicale Olivonese e il 2 maggio segue l’assemblea di ricostituzione, alla presenza di 39 soci.

Il nuovo comitato è composto da:
Demetrio Poglia (presidente), Mirco Poglia, Ezio Scapozza e Valerio Canepa.
La direzione è assunta dal mo. Alfredo Menozzi, di Ravecchia, coadiuvato dal maestro Paolo Baratto, attivo in quel tempo a Zurigo, quale trombettista alla Orchestra della Tonhalle e già prima tromba alla radio-orchestra della Svizzera Italiana.

L’8 maggio 1970 si svolge la prima lezione alla presenza di 43 allievi.

Il 19 luglio 1970 il Corpo Musicale Olivonese si esibisce per la prima volta in occasione della Festa della Madonna di Olivone.

Il 26 dicembre 1970, al ristorante Feo Bar di Olivone, il Corpo Musicale Olivonese tiene il suo primo concerto di gala, dopo la rifondazione.

1971 Il Corpo Musicale Olivonese entra a far parte della Federazione Bandistica Ticinese (FeBaTi).

1972 Partecipa, per la prima volta, ad un Convegno bandistico cantonale (il 16°) a Mendrisio, con il brano “Canyon Passage” di J. L. Tarver, diretto dal maestro Alfredo Menozzi.

1973 Al maestro Menozzi subentra un nuovo giovane direttore: il mo. Costantino Delmué di Biasca.
Valerio Canepa si assume il compito di presidente del sodalizio.
Lo stesso anno viene inaugurato il nuovo vessillo, offerto da alcuni soci e viene acquistata la nuova divisa.

1975 Sotto la guida del maestro C. Delmuè, l’8 giugno 1975, il Corpo Musicale Olivonese partecipa al 17° Convegno cantonale di Locarno presentando il brano “Mountain Majestic”

 

1978 Gennaio. Leda Solari diviene la nuova presidente della società.

Il Corpo Musicale Olivonese partecipa al 18° convegno cantonale di Lugano, presentando il brano “A Mozart Festival”, nell’arrangiamento di Cl. Johnson, sempre sotto la direzione del maestro C. Delmuè.

 

Gli anni '80

1980 Vengono organizzati i festeggiamenti per commemorare il 10° anniversario dalla rinascita del 1970. Per l’occasione si organizza un gemellaggio con la musica Medels di Curaglia (GR).

1982 Partecipazione al 19° convegno cantonale a Giornico, con il brano “Visioni della Valle di Blenio” di Amilcare Sali, diretto da Costantino Delmuè.

1984 In collaborazione con la Corale Voce del Brenno, viene inciso il disco “Val Blenio”.
 

1985 Partecipazione al 20° convegno bandistico cantonale a Chiasso.
Brano presentato: “Highlights from Exodus”, di Ernest Gould e arrangiamento di A. Reed – Direzione Mo. Costantino Delmuè.

1988 Partecipazione al 21° Convegno bandistico cantonale di Bellinzona, sotto la direzione del maestro Costantino Delmuè, con il brano “Bingo”, di Randy Beck.

 

Il sodalizio festeggia il 75° di fondazione (1913 – 1988).


Per l’occasione viene pubblicato il libro “75 anni in musica”, a cura di Lorenzo Piazza ed è organizzata una giornata di festeggiamenti a Olivone, con la presenza di diverse filarmoniche provenienti dal Ticino e una dalla Surselva.

1989 Giugno. Il Corpo Musicale Olivonese partecipa ai festeggiamenti per il 500° del Passo del Gran San Bernardo, ospite della musica di Sembrancher (VS).

1990 Aprile. Nel Corso dell’assemblea cantonale, Lorenzo Piazza viene eletto nel comitato della Febati, in rappresentanza del Corpo Musicale Olivonese.

Giugno. Partecipazione al primo concorso bandistico cantonale a Locarno, con i brani “A Mozart Festival”, nell’arrangiamento di Cl. Johnson, e “Psalm für Blasorchester”, di Paul Huber.
Prova di marcia con i brani “Marcia del rgt fant mont 18” di H. Lochmatter e “San Carlo” di Oscar Tschuor. La direzione è sempre del mo. C. Delmué.

La musica di Vrin invita il Corpo Musicale Olivonese ad un raduno estivo.

 

Anni '90

1991 Il Corpo Musicale Olivonese si reca a Cham, sul lago di Zugo, per un raduno bandistico, ospite della locale filarmonica.

1992 Dopo 19 anni di attività, il maestro Costantino Delmué lascia l’incarico di direttore. Gli subentra per un breve periodo il maestro Leandro Galassi, di Campione d’Italia.

Cinzia Solari-Degiorgi entra nel Comitato della Federazione bandistica ticinese in sostituzione di Lorenzo Piazza.

1992 Giunge ad Olivone il maestro Fulvio Luisoni, già direttore di numerose filarmoniche della Svizzera tedesca, con cui ha ottenuto numerosi successi anche a livello federale.

1993 Aprile. Il Corpo Musicale Olivonese ospita per la prima volta l’assemblea cantonale dei delegati della Federazione Bandistica Ticinese.
Il Corpo Musicale Olivonese inaugura la sua nuova divisa, con una festa in comune con alcune bande.

Sotto la guida del maestro F. Luisoni, partecipa al 22° convegno cantonale di Mendrisio presentando il brano “A North Norwegian Fantasy”, di Thorstein Aagard-Nielsen.

 

Leda Solari lascia il comitato e la presidenza del Corpo Musicale dopo 15 anni di intensa attività. Il suo compito viene assunto dall’avv. Piercarlo Blotti, di Malvaglia.

1996 Gita sociale a Colmar, con visite all’Europa-Park di Rust, al paesino di Riquewihr.

1999 Gennaio. A seguito delle dimissioni di Piercarlo Blotti, Graziano Sangalli diventa presidente del Corpo Musicale Olivonese.

1999 23 Maggio. Partecipazione alla prima festa cantonale della musica (che sostituisce i convegni cantonali) a Giubiasco, con il brano “Contrasto Grosso”, di Jacob de Haan, diretto dal mo. Fulvio Luisoni.

Settembre. Dopo sette anni d’intensa attività il mo. Fulvio Luisoni lascia la direzione al mo. Riccardo Kübler, che diventa il nuovo direttore e responsabile della formazione musicale.

 

Anni 2000

2000 Il Corpo Musicale Olivonese festeggia i 30 anni di rifondazione con un piccolo raduno di bande del cantone e una festa.

2003 Il Corpo Musicale Olivonese organizza una gita sociale a Napoli e si esibisce nelle località di Caivano (NA) e Vico Equense (NA).

2004 Alla seconda festa cantonale di Faido, il Corpo Musicale Olivonese partecipa con il brano “ Suite Ancienne“, di Franco Cesarini, diretto dal Maestro Riccardo Kübler, aggiudicandosi il miglior punteggio di categoria.

2009 Il Corpo Musicale Olivonese partecipa alla terza Festa Cantonale di Lugano, con il brano imposto “American Rhapsody”, di Pietro Damiani e il brano a scelta “Indian Summer Suite” di Eric Ball, diretti dal maestro Riccardo Kübler.

2010 La Federazione Bandistica ticinese (Febati) compie cento anni (1910). Il CMO partecipa ai festeggiamenti che si svolgono fra l’altro a Bellinzona e a Biasca, con una delegazione e il proprio vessillo.

 

Aggiornato - 03.09.2015

 

tutti diritti riservati © cmolivone.ch | design by cber.ch